Ucraina, profughi in arrivo con i loro cuccioli

By maggio 9, 2022 News No Comments
profughi ucraina
La guerra tra Russia e Ucraina prosegue ormai da molte settimane e il problema dei profughi tende ad aumentare. L’arrivo in Italia di centomila profughi, in poco più di due mesi, ha costretto il sistema di accoglienza italiano a far fronte a un’emergenza che non si vedeva da decenni.
Sempre più ucraini stanno trovando ospitalità nel nostro Paese anche con i loro amici animali. Per chi ha perso tutto, anche gli animali domestici sono un affetto importante da salvare e non vanno trascurati.
Cosa fare una volta arrivati in Italia?
Per prima cosa, bisogna garantire l’assistenza sanitaria anche all’animale.
«Tutti gli animali devono essere denunciati – afferma Laura Lanfredini, direttore sanitario Ats Brescia – ragion per cui abbiamo attivato un form, da compilare e inviare anche on line». Un modulo che è possibile reperire sul sito internet dell’Azienda di tutela della salute di Brescia sul quale indicare le generalità dell’animale: razza, sesso, se ha il microchip e soprattutto se è vaccinato.
«Così facendo riusciamo a contattare i padroni e consentire ai nostri veterinari di visitare l’animale. Solo dopo un contatto diretto, infatti, è possibile l’accesso al nostro servizio veterinario».
«In Ucraina – spiega – la rabbia è una malattia endemica ed è pertanto necessario che gli animali siano vaccinati contro questa malattia».
Anche gli animali hanno bisogno delle loro vaccinazioni, allo stesso modo con cui i profughi vanno vaccinati per il covid.
[Fonte Giornale di Brescia]
Per ogni necessità e per la cura dei vostri animali ci trovate qui:
Siamo a Montichiari in viale Europa 67
Tel 030 9960444 – info@ospedaleveterinarioh24.it